giovedì 17 ottobre 2019

Edoardo Barbolini campione TCR Coppa italia , Felice Jelmini festeggia il titolo Clio Cup con una doppietta


Sfuma la riconferma del titolo Coppa Italia Turismo per Edoardo Barbolini (nella foto) nonostante un doppio podio in coppia con Jacopo Guidetti che in virtu’ dei tre punti di vantaggio sul pilota modenese vince la manifestazione. La coppia alla guida del Audi Rs3 di Barbolini sotto le insegne del team Bf moto sport centra due podi nelle manche disputate, secondo in gara 1 Guidetti, terzo Barbolini nella sua manche, partita dalla pole position. Barbolini si consola con il titolo riservato alla classe TCR (anche se in coabitazione con Guidetti), fatale alla fine dei conti la tappa di Monza, dove Guidetti ha diviso l’abitacolo con Ruberti , mentre  Barbolini era in coppia con Fabiani, tre punti che hanno fatto la differenza.

Felice Jelmini ha consolidato la propria leadership e vittoria nella Clio Cup Italia vincendo anche ad Imola, ultima prova della stagione 2019 che ha visto il portacolori del team Composit Motosport trionfare nella serie con numeri incredibili. ) Nonostante un palmares di titoli nazionali ed internazionali il team di Sorbara gestito dai fratelli Ansaloni era dal 2013 che non vincevano nel campionato nazionale grazie Ronnie Marchetti, nelle ultime tre stagione si e’ puntato forte su Jelmini che ha avuto un crescendo nella serie. Due anni fa’ terzo assoluto e migliore fra i rookie, lo scorso anno si e’ giocato la vittoria fino alla fine e quest’anno e’ stato l’assoluto dominatore nelle sei doppie manche che hanno animato la Clio Cup Italia. Quest’anno finalmente il gradino piu’ alto del podio e la vittoria assoluta matematicamente certificata a Vallelunga con la possibilita’ di correre senza pressioni ad Imola. Jelimini ha consolidato la propria forza centrando la doppia pole per entrambe le manche ,vincendo gara uno dopo una lotta in famiglia e dominando gara due dove rifila quasi venti secondi al piu’ immediato inseguitore,segnando il best lap in entrambe le prove. 
Fine settimana agrodolce per Fabio Ongaretto che perde due meritati podi ma si consola con il titolo "gentlemen" che sembrava lontano prima del round bolognese. Invece Fabio con 18 + 25 punti sopravanza il diretto rivale (incappato in uno zero nel corso della prima manche) sale a 216 e porta a casa il trofeo. Una parziale consolazione dei due podi tolti al pilota Composit che nelle due manche era arrivato dietro il compagno di team Jelmini, poi alcune penalizzazioni (cinque in totale 15 secondi in gara 1 e 10 in gara 2) lo pongono in nona e quarta posizione assoluta.

Samuele Santi subito in pista per la Pre Moto 3


×
E’ iniziata la nuova avventura di Samuele Santi che sul tracciato del “Cremona Circuit” ha svolto il primo test sulla Bucci Moto categoria Pre-Moto 3. Il giovane talento modenese aveva gia’ saggiato le ruote alte nel corso della stagione sempre con il medesimo team consapevole delle differenze fra i mezzi utilizzati fin’ora ed una moto effettiva ed impegnativa. La vittoria del campionato “Italian Cup” ha proiettato Santi come ufficiale nel team con l’apertura ai tracciati dei grandi ed un campionato come il CIV che sara’ tosto ed impegnativo. Samuele si e’ mosso bene in sella alla moto ;adattandosi quasi subito; ha girato bene senza forzare (come richiesto) con gomme usate per prendere confidenza ,senza modificare gli assetti e girando con settaggi standard ha fatto segnare buoni riscontri cronometrici con ampio margine di miglioramento, toccando i 200 km/h in rettilineo. Cremona non e’ certo il Mugello oppure Misano ma e’ un tracciato tecnico che spesso viene utilizzato per test, pista media con buone percorrenze che permette di lavorare serenamente e di prendere confidenza con mezzi nuovi. Alla fine della giornata, tanta fatica ma un test piu’ che convincente che fa’ ben sperare per il proseguo della carriera di uno dei talenti piu’ promettenti del panorama motociclistico modenese, soddisfazione da parte del team che ha visto girare entrambi i piloti che saliranno sulla Bucci Pre Moto 3 nel 2020.

venerdì 11 ottobre 2019

terzo titolo in stagione per Daniele Vezzelli, podio per Volpi e Cobellini


E sono tre! Annata incredibile per Daniele Vezzelli che conquista il terzo trofeo in stagione, il secondo internazionale, un 2019 da incorniciare per il giovane kartista modenese. Dopo le vittorie nella classe KFA;prima il tricolore e poi il trofeo internazionale; anche nella Easy Kart  lascia il segno ed a Siena conquista un altro trofeo internazionale. Un fine settimana che ha visto il 19enne modenese  sempre ai vertici della classe BMB Challenge ( sotto le insegne del team MKS di Massimo Sorci), consapevole delle proprie potenzialita’ nonostante le insidie di avversari esperti. Dopo il miglior tempo ottenuto in qualifica, nella Pre Finale insegue e chiude secondo, terzo nel warm up passato all’ultima curva. La vittoria arriva nella gara da venti giri, la partenza dalla prima fila lo proietta subito in vetta e pur non centrando la miglior prestazione sul giro secco, non incappa in penalita’ e taglia il traguardo con sei decimi di vantaggio sul secondo classificato. Un week end fruttuoso per il team Modena Kart Service che; oltre alla vittoria;  sale sul terzo gradino del podio con l’altro pilota modenese Riccardo Volpi che si e’ dimostrato un ottimo alleato di Vezzelli,  mentre e’ quinto al traguardo (penalizzato di tre secondi) Matteo Zamporlini. Paolo Orsini perde quattro posizioni in gara,arranca e chiude fuori dalla top ten.  Si chiude sul  podio la stagione agonistica karting di Cristian Cobellini che mai come lo corso fine settimana si e’ dimostrato altamente competitivo sotto le insegne del team VRK. Presente al South Garda di Lonato per l’ultima tappa del trofeo d’autunno, Cobellini ha lottato nella classe KZN Under ed Over (unificate ma con classifiche separate) e per tutto il fine settimana e’sempre stato nelle posizioni da podio, buone qualifiche (terzo tempo) ed identica prestazione nella Pre Finale. Nei 18 giri di gara, il talento modenese non e’ mai riuscito ad inserirsi nella lotta per la vittoria, perdendo due posizioni appena dopo il via ma soprattutto il treno del podio, quarto assoluto al traguardo si consola con la terza posizione di classe e porta a casa un altro trofeo per arricchire la nutrita bacheca di casa Cobellini.